Tutelare tutti i cittadini: e quelli con disabilità?

«Tutelare tutti i cittadini – scrive Luisella Bosisio Fazzi – o solo quelli che ce la fanno da soli o ancora quelli che sono socialmente visibili? E le persone con disabilità? Quelle persone che senza le loro Associazioni rappresentative non avrebbero avuto alcuna citazione nei vari Decreti che il Governo ha emanato. Quelle persone che, se non ci fossero le loro famiglie, sarebbero morte di inedia, di mancata assistenza, di mancata cura, di mancata protezione. Sono dura, lo so. Ma è la verità».

Continua a leggere

COVID-19, è emergenza nei centri residenziali: “Sono bombe ad orologeria pronte a scoppiare”. Necessario subito un intervento mirato

“I centri residenziali sono delle vere e proprie bombe ad orologeria pronte a scoppiare, è una situazione a dir poco esplosiva che nessuno sta cercando di risolvere, lasciando così in balìa dell’emergenza sanitaria in corso le persone con disabilità, le famiglie e gli operatori”: così Roberto Speziale, presidente nazionale Anffas, parla a nome e per conto delle decine di migliaia di persone con disabilità di famiglie e di operatori, della condizione in cui versano le nostre persone e le nostre famiglie nonché le strutture residenziali nelle quali in Italia vivono centinaia di migliaia di persone con disabilità ed anziani non autosufficienti.

Continua a leggere

Distress psichico delle persone con disabilità intellettive e autismo

È stata la SIDIN (Società Italiana per i Disturbi del Neurosviluppo), in collaborazione con il CREA (Centro di Ricerca e Ambulatori) della Fondazione San Sebastiano della Misericordia, l’ASMED (Associazione per lo Studio dell’Assistenza Medica alla Persona con Disabilità), la Federazione Italiana Prader-Willi e l’ANGSA (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici), a produrre un documento su come rispondere ai fattori di distress psichico delle persone con disabilità intellettiva e autismo, durante l’attuale emergenza, testo di cui suggeriamo senz’altro un’attenta consultazione.

Continua a leggere

Anffas Cremona Onlus a sostegno dell’associazione #unitiperlaprovinciadicremona

Anffas Cremona Onlus e Ventaglio Blu Soc. Coop. Sociale hanno deciso di aderire alla campagna di raccolta fondi e hanno erogato una somma pari a 500,00 euro all’associazione #unitiperlaprovinciadicremona a sostegno degli ospedali della provincia di Cremona per far fronte all’emergenza COVID-19

Sia l’associazione che la cooperativa sociale lavorano per la tutela e il sostegno delle persone in situazione di fragilità, e dunque riteniamo opportuno sostenere qualunque iniziativa nella lotta contro il Coronavirus, a sostegno di tutti coloro che in queste settimane si prendono cura dei più fragili nelle strutture ospedaliere della nostra provincia.

L’associazione onlus #unitiperlaprovinciadicremona ha come soci fondatori Libera Associazione Agricoltori Cremonesi, Fondazione Arvedi Buschini, Associazione Industriali, Confartigianato di Cremona, Confartigianato di Crema, Coldiretti, Libera Artigiani di Crema, Cna, Confcommercio e Confcooperative.

L’associazione è stata creata ad hoc ieri mattina e ha l’ambizione di coinvolgere tutte le realtà imprenditoriali, associative e filantropiche del territorio, per la prima volta unite senza distinzioni né rivalità verso un obiettivo comune attraverso questa grande raccolta fondi. Chi vorrà contribuire può farlo con un versamento (IBAN: IT13Z0845411404000000231085)

È discriminazione dare meno ore di assistenza per l’autonomia e la comunicazione

Un’interessante Ordinanza è stata prodotta il 3 febbraio scorso dal Tribunale Civile di Marsala (Trapani), in materia di ore di assistenza per l’autonomia e la comunicazione.
La vicenda riguarda i genitori di un’alunna della scuola media, che avevano richiesto al proprio Comune di residenza l’assegnazione di 15 ore di assistenza per l’autonomia e la comunicazione, come espressamente indicate nel PEI (Piano Educativo Individualizzato).

Continua a leggere