Legge di Stabilità, associazioni disabili mobilitate contro il taglio ai fondi

studio istituo economiaTesto estratto dal sito www.ilfattoquotidiano.it

Cento milioni meno del previsto (250 anziché 350) per le persone non autosufficienti. E il congelamento del fondo politiche sociali, che resta a quota 300 milioni. Dopo aver letto, giovedì, i numeri contenuti nel testo definitivo della legge di Stabilità, le associazioni che si occupano di disabilità sono sul piede di guerra e intendono mobilitarsi. Perchè il governo che ha promesso una riforma organica del terzo settore con risorse ad hoc si sta muovendo in modo incoerente. Da un lato stabilizza il 5 per mille e, dal 2015, aumenta a 500 milioni il tetto massimo di risorse che lo Stato, su indicazione dei contribuenti, girerà ad associazioni di volontariato, onlus e enti che si occupano di ricerca scientifica. Dall’altro, però, toglie risorse al piano per la non autosufficienza. Che comprende anche il sostegno ai malati di Sla, la patologia di cui quest’estate si è parlato grazie alla campagna di sensibilizzazione Ice Bucket Challenge, alla quale il premier Matteo Renzi e alcuni ministri non hanno mancato di partecipare. Ma dalla doccia gelata ai fatti concreti la distanza, evidentemente, è notevole.

>> Continua a leggere cliccando qui