Quella Sentenza parla chiaro: offendi uno, offendi tutti!

Testo estratto da www.superando.it e qui ripreso per gentile concessione

GIUDICE-SPORTIVO-213212«Questa è una Sentenza molto importante perché il Giudice ha riconosciuto che l’offesa a una singola persona con disabilità non solo offende la ricorrente, ma tutte le altre persone con disabilità. Tale comportamento, inoltre, pregiudica e lede la faticosa quotidiana attività delle Associazioni che si battono per promuoverne la piena inclusione sociale e il rispetto dei loro diritti».

Ebbene, il Giudice del Tribunale di Verbania ha condannato i due imputati a dodici mesi di reclusione (la richiesta del Pubblico Ministero era stata di otto mesi) e al risarcimento dei danni a favore della vittima e anche delle tre Associazioni costituitesi parte civile, ovvero, insieme alla citata LEDHA, anche l’AISAC (Associazione per l’Informazione e lo Studio dell’Acondroplasia) e Acondroplasia – Insieme per crescere. L’ammontare complessivo delle provvisionali, comprese le spese legali di tutte le parti costituite, è stato di circa 50.000 euro.

>> Leggi la notizia completa cliccando qui