Disabilità: il Programma di azione biennale è legge

Testo estratto da Handylex

È dunque finalmente legge il Secondo Programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità.

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (12 dicembre 2017) il Programma di azione, adottato con decreto del Presidente della Repubblica, conclude la sua lunga fase di gestazione giacché lo specifico Osservatorio nazionale sulla Disabilità lo aveva licenziato già nel 2016.
Ora dovrebbe iniziare l’articolata fase applicativa che vede interessati, con responsabilità diverse, Governo, Ministeri, Parlamento, Regioni ed Enti locali, oltre ad istituzioni ed organismi pubblici.

Il Programma infatti reca indicazioni operative (linee di azione) su moltissimi ambiti che interessano direttamente o indirettamente la qualità della vita delle persone con disabilità: dalla revisione dei criteri per il riconoscimento della stessa, alla salute, al lavoro, allo studio e alla mobilità. Senza tralasciare temi quali lo sviluppo del sistema statistico e del monitoraggio dell’attuazione delle politiche o la cooperazione internazionale.

Il Programma in sé è molto articolato e indica azioni specifiche, soggetti attuatori e coinvolti, sostenibilità economica, ma la sua reale applicazione dipende dalle reali volontà politiche, organizzative ed amministrative.

>> Leggi il “Secondo programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità” cliccando qui

Annunci