A Milano, incontro della RETE LOMBARDIA PER L’AUTISMO

Informazione elaborata da ANGSA Lombardia

Tra poche settimane si vota. In rappresentanza di molte persone con autismo che non possono esprimere il loro voto, diventa indispensabile evidenziare la problematica dell’autismo con i candidati alla presidenza della Regione Lombardia, al fine di ottenere risposte concrete alle criticità già da tempo presentate dalle associazioni lombarde.

In seguito all’intensa attività di associazioni nazionali e regionali, sono state emanate molte disposizioni, leggi, normative, delibere, linee guida e di indirizzo, tuttora disattese.

Nonostante l’approvazione della Legge Regionale 29 giugno 2016, n. 15, le persone con autismo e le relative famiglie non hanno ottenuto le risposte ai propri bisogni, soprattutto per quanto riguarda i servizi per minori e adulti, e relative competenze e risorse per tutti gli ambienti di vita.

Di fronte a questa situazione, che evidenzia la contraddizione tra parole e fatti, tra quanto scritto nelle leggi e quanto attuato, è necessario, superando ogni frammentazione, pensare ad iniziative unitarie per ottenere un impegno da parte di chi ci governerà nei prossimi cinque anni.

In definitiva, dovremmo avere la capacità di programmare delle azioni per rendere più incisive le nostre richieste, atte a migliorare la condizione di vita delle persone con autismo, dall’infanzia all’età adulta.

Abbiamo fatto di tutto per migliorare la vita dei nostri figli e siamo disposti a fare ancora di più, restando uniti e forti nell’organizzare iniziative di massa, potenti ed efficaci, per dar voce ai nostri figli, a tutela dei loro diritti. Ce lo stanno chiedendo proprio loro: è arrivato il momento in cui la nostra presenza è assolutamente indispensabile.

Vi invitiamo quindi a partecipare all’incontro di sabato 3 febbraio 2018, ore 14,30 presso Hotel Glam p.za Duca d’Aosta 4/6 Milano, sala Style piano 1s (fronte Stazione Centrale e MM) per approfondire i seguenti punti:
1) stato delle situazioni, legislativa e reale, sull’autismo,
2) criticità da tempo evidenziate, tuttora rimaste senza risposta,
3) appello ai candidati alle elezioni regionali ed azioni conseguenti.