Linee guida autismo, facciamo chiarezza!!!

Linee guida autismLe associazioni firmatarie del presente comunicato, rappresentative sul tema, a livello nazionale, regionale e locale, intendono informare i propri associati (persone nello spettro autistico, genitori/familiari e caregiver), nonché l’opinione pubblica e le Istituzioni, sulla propria posizione riguardo alle due Linee Guida sulla diagnosi e trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini/adolescenti e negli adulti, che stanno per essere pubblicate, ribadendo così anche quanto affermato in data 23 gennaio 2023 in una lettera di supporto ai lavori di elaborazione delle Linee Guida Autismo inviata all’attenzione del Ministro della Salute, Prof. Schillaci, e del Ministro per le Disabilità, On. Alessandra Locatelli.

Continua a leggere

Pubblicità

Elezioni regionali: guida al voto delle persone con disabilità intellettive

contaÈ un tema, purtroppo, divenuto ormai annoso anche sulle nostre pagine: sono ancora tante le persone con disabilità intellettive che non votano nel nostro Paese, anche perché poco informate sui propri diritti o perché incontrano difficoltà nell’accesso a informazioni scritte in maniera per loro comprensibile.

Continua a leggere

“Accesso alle cure: l’Italia resta indietro”

Puntata 15: Intervista a Nicola Panocchia, coordinatore del Comitato Scientifico della Carta dei diritti delle persone con disabilità in ospedale promossa dalla cooperativa Spes contra spem Onlus«I bisogni sanitari delle persone con disabilità sono ancora molto sottostimati”. Sono queste le parole di Nicola Panocchia, coordinatore del Comitato Scientifico della Carta dei diritti delle persone con disabilità in ospedale promossa dalla cooperativa Spes contra spem Onlus 

In questa puntata, l’articolo 25 (Salute) della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità è il protagonista.

Questa intervista fa parte della rubrica mensile che insieme al settimanale Mondo Padano e alla cooperativa Ventaglio Blu organizziamo alla scoperta dei progetti e delle organizzazioni che rendono effettivi gli articoli della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità.

Ogni intervista riguarda uno o vari articoli della Convenzione con lo scopo di approfondire non solo sul contenuto dell’articolo in sé ma soprattutto di scoprire le diverse modalità attraverso le quali ogni singolo articolo si “cala” nella nostra società, sia attraverso specifici progetti sia attraverso modifiche normative e/o legislative che negli anni hanno migliorato le condizioni di vita delle persone con disabilità.

Per avere ulteriori informazioni è possibile contattare l’associazione Anffas Cremona all’indirizzo info@paolomorbianffas.it

È possibile scaricare l’intervista a questo link

Invia la tua candidatura per fare il Servizio Civile Universale nella nostra associazione

scuNell’ambito del progetto “DO_MANI Giovani Costruttori di Comunità”, la nostra associazione ha a disposizione un posto per un volontario del Servizio Civile Universale che sarà coinvolto in diverse attività dell’associazioni quali:

  • Collaborazione con il reparto comunicazione per la realizzazione di materiale promozionale
  • Organizzazione di percorsi di approfondimento e riflessione su temi riguardanti la disabilità, con focus “i giovani”
  • Affiancaremento degli educatori dei servizi diurni di Ventaglio Blu – Meraki nell’ideazione e realizzazione nei progetti di animazione sociale e del tempo libero
  • Affiancamento degli educatori nella realizzazione delle attività in programma rivolte alle persone con disabilità che frequentano i servizi diurni di Ventaglio Blu – Meraki

Per avere più informazioni relative al posto offerto è possibile contattare fausto.maffei@posta.ilcerchioonlus.it

Le candidature devono essere inviate entro venerdì 10 febbraio 2023.

Clicca qui per avere tutte le informazioni relative al Servizio Civile Universale a Cremona

Dare voce a ogni forma di discriminazione basata sulla disabilità

disc«Appreso che nel nostro ordinamento le tutele esistono, esistono anche gli strumenti operativi e i soggetti ai quali rivolgersi in casi di discriminazione e/o molestie», vale a dire «le Associazioni, i Centri Antidiscriminazione, gli operatori del diritto specializzati, le Forze dell’Ordine, la Magistratura, che tutelano e proteggono da ogni forma di aggressione, va sottolneata l’importanza di non farsi intimorire e di cercare di dare voce ad ogni forma subdola di intimidazione, segregazione, perpetrata ai danni delle persone con disabilità, in ogni ambiente»: si conclude così l’ampio approfondimento dedicato alla discriminazione delle persone con disabilità da parte del Centro Studi Giuridici HandyLex.

Continua a leggere

“Risorse e specializzazione solo sulla carta”

MP11C«Il nostro Paese sulla carta ha una legislazione di garanzia ma nei fatti l’articolo a cui facciamo riferimento richiede, per ogni
alunno disabile, risorse chiare, specializzate e continuative nel tempo”. Sono queste le parole di Antonio Nocchetti, presidente dell’associazione Tutti a Scuola Onlus.

In questa puntata, l’articolo 24 (Educazione) della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità è il protagonista.

Questa intervista fa parte della rubrica mensile che insieme al settimanale Mondo Padano e alla cooperativa Ventaglio Blu organizziamo alla scoperta dei progetti e delle organizzazioni che rendono effettivi gli articoli della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità.

Ogni intervista riguarda uno o vari articoli della Convenzione con lo scopo di approfondire non solo sul contenuto dell’articolo in sé ma soprattutto di scoprire le diverse modalità attraverso le quali ogni singolo articolo si “cala” nella nostra società, sia attraverso specifici progetti sia attraverso modifiche normative e/o legislative che negli anni hanno migliorato le condizioni di vita delle persone con disabilità.

Per avere ulteriori informazioni è possibile contattare l’associazione Anffas Cremona all’indirizzo info@paolomorbianffas.it

È possibile scaricare l’intervista a questo link

Una Stella di Natale per sostenere Anffas Cremona

Foto raccolta fondi AnffasGiovedì 8 dicembre torna la raccolta fondi “Con un fiori aiuti un amico” di Anffas Cremona APS, attraverso la quale è possibile sostenere l’associazione con le Stelle di Natale che saranno presenti nelle bancarelle che popoleranno la città.

Quest’anno i volontari dell’associazione cremonese saranno presenti in quattro punti della città: chiesa dei Frati Cappuccini (in via Brescia), chiesa di San Luca, Galleria XXV Aprile (lato giardini) e in corso Vittorio Emanuele II (davanti all’ex OVS).

Per chi non potrà prendere la sua stella di Natale nella giornata di giovedì 8 dicembre nelle bancarelle, sarà possibile ritirarle presso la sede di Anffas Cremona APS in via Gioconda, 5 nelle giornate di venerdì 9 dicembre e sabato 10 dicembre (solo previa prenotazione).

Per prenotare la Stella di Natale è possibile contattare l’associazione al tel. 0372 26612 o all’indirizzo email info@paolomorbianffas.it

Grazie a questa campagna di raccolta fondi profondamente sostenuta dai cremonesi, l’associazione potrà continuare a lavorare per la tutela dei diritti delle persone con disabilità e delle loro famiglie attraverso alcuni servizi come lo sportello presso la Neuropsichiatria infantile o il S.A.I. (Sportello Accoglienza ed Informazione).

Le discriminazioni basate sulla disabilità: istruzioni per l’uso

discriminazioneCos’è una discriminazione? Come si riconosce? Cosa si può fare per contrastarla e prevenirla? Quali sono le normative al riguardo? Le persone con disabilità riescono a riconoscere una discriminazione e sanno, in questo caso, cosa possono fare e a chi possono rivolgersi per chiedere aiuto e supporto? Cosa possono fare i genitori e familiari? E quanto sono conosciute dalla comunità le discriminazioni di cui possono essere vittime le persone con disabilità e i loro familiari?
Sono tutte queste le domande cui il progetto dell’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) denominato AAA – Antenne Antidiscriminazione Attive, già da noi ampiamente presentato a suo tempo, ha voluto dare risposta, attraverso un percorso formativo volto a promuovere sia maggiore consapevolezza sul tema appunto della discriminazione basata sulla disabilità, sia sugli strumenti per contrastarla, fornendo anche un’analisi del fenomeno e delle conseguenze di esso sulla Qualità di Vita delle persone con disabilità e delle loro famiglie, tramite una consultazione pubblica.

Continua a leggere

Perdono il lavoro per occuparsi dei familiari con sindrome di Down, succede a oltre il 16% dei caregiver

Presentazione rapporto‘Conoscere per agire’ è questo il filo conduttore della ricerca ‘Non uno di meno’ realizzata da Censis e Aipd per fotografare, in mancanza di un’indagine sistematica a livello nazionale, la condizione delle persone con sindrome di Down in Italia. La ricerca, presentata questo pomeriggio nella sede del Cnel, a Roma, è stata condotta su un campione nazionale di 1.192 caregiver di persone con sindrome di Down con l’obiettivo di ottenere una migliore e aggiornata conoscenza dei bisogni, del rapporto con i servizi disponibili sui territori di residenza e del relativo grado di soddisfazione.

Continua a leggere

Se non esistono buoni dati sulla disabilità, chi sono le persone con disabilità?

dati«Quante sono le persone con disabilita in Italia? Di preciso, purtroppo, non ci è dato saperlo, e non è un’operazione facile. La “nuova” definizione di disabilità, infatti, risalente al 2006, ovvero alla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, include tutti coloro che non dispongono di pari opportunità e sono impossibilitati nella vita quotidiana a causa di limiti imposti dal contesto. In parole povere, questo dato comprende una quantità enorme di persone, che magari temporaneamente si trovano in una condizione di disabilità, in seguito a un incidente, una malattia, all’avanzare dell’età o a un evento qualsiasi, che prima o poi rischia di limitare vita che ognuno è abituato a condurre».

Continua a leggere