Il gruppo di lavoro è composto dall’assistente sociale referente per il distretto dell’area disabilità, dall’educatore professionale, dallo psicologo, dalla pedagogista clinico, dal referente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, dal referente della NeuroPsichiatria Infantile e da un referente amministrativo dell’Azienda Sociale Cremonese.

Tra i compiti tecnici della Commissione vi sono inoltre

  • la condivisione degli strumenti di lavoro (scheda di rilevazione del bisogno assistenziale, modulo per la relazione sintetica in itinere e finale ad uso degli assistenti, verbale incontri, ecc…),
  • l’analisi della documentazione ( rilevazione del bisogno assistenziale ed educativo inviato dalle scuole, la scheda sociale, certificazioni sanitarie, la relazione sintetica in itinere e finale delle assistenti, verbali incontri, ecc. ),
  • l’individuazione della possibile integrazione del progetto di assistenza con progetti socio-educativi extrascolastici,
  • la condivisione dei criteri di assegnazione delle risorse assistenziali con i servizi sociali del distretto.

Il profilo dell’ Assistente per l’Autonomia Personale deve possedere le seguenti competenze:

Buone conoscenze specialistiche, competenze tecnico-professionali e discrete possibilità di autonomia operativa, capacità di risoluzione dei problemi e competenze relazionali.

Detto personale è tenuto inoltre alla partecipazione ai corsi di formazione e aggiornamento programmati, annualmente dalla propria Agenzia Accreditata e specifici per il profilo professionale di   competenza.

L’Assistente per l’Autonomia Personale provvede nell’ambito scolastico all’esecuzione di attività assistenziali, nonché in alcune situazioni di collaborazione all’attività educativa/didattica con particolare riferimento agli ambiti della comunicazione e dell’autonomia personali (art. 13, L. 104/92).

Gli obiettivi dell’intervento assistenziale per l’autonomia personale si basano sul presupposto che l’allievo con disabilità va immaginato come futuro adulto e che il progetto deve avere un senso per il presente ma guardare con lungimiranza sempre al futuro.