pincel

Il laboratorio espressivo nasce come spazio attrezzato in cui i partecipanti possono confrontarsi ed esprimersi attraverso attività manipolativo-espressive che facilitano la relazione con l’altro.  Al suo interno si propongono attività nelle quali ognuno più sentirsi libero di dare sfogo alla creatività e alla fantasia prendendo coscienza delle proprie potenzialità.

Il laboratorio si propone di:

Incentivare le diverse abilità di ciascuno

Sperimentare relazioni positive con gli altri,

Liberare le proprie emozioni attraverso la produzione artistica,

Esercitare abilità espressive ed artistiche attraverso la sperimentazione di varie tecniche e materiali

Manipolare, fare miscugli, inventare, osservare, costruire, creare, sperimentare e scoprire (somiglianze, differenze, uguaglianze, grandezze, quantità, forma-colore, materia-funzione e tecniche espressive) sono alcune delle attività proposte.

Si tratta di un’ “apprendere facendo” che facilità l’integrazione all’interno di un gruppo lavorativo ma anche la capacità di gestione autonoma del lavoro. Le attività manipolative e grafico-pittoriche intendono guidare all’uso consapevole delle mani che sono vere e proprie protagoniste (ritagliano, pasticciano, dipingono, impastano e modellano).

Il laboratorio, concepito come luogo di benessere per gli utenti e momento per sviluppare relazioni proficue e cooperative, cerca di creare un clima positivo ed intende altresì essere momento per sviluppare il rispetto di alcune regole di pulizia dell’ambiente e il rispetto per tutto ciò che all’interno dello spazio viene utilizzato.

Le attività si basano sull’interesse, sulla creatività, sulla fantasia e sull’esperienza di esplorazione e di osservazione dei partecipanti nella realtà che li circonda.
Questi ultimi vengono guidati alla scoperta e all’utilizzo di svariati materiali (colori, legno, plastica, carta…)