Agendo per l’Agenda della Disabilità

Il progetto “Agendo per l’Agenda della Disabilità”, che da febbraio sarà pienamente operativo, è stato avviato dalla Fondazione CRT e dalla CPD di Torino, per costruire appunto la prima “Agenda della Disabilità in Italia”, piano di azioni concrete articolato su sei temi strategici (“Abitare sociale”; “Sostenere le famiglie”; “Vivere il territorio”; “Lavorare per crescere”; “Imparare dentro e fuori la scuola”; “Curare e curarsi”) e “firmato” dalle Istituzioni e dalla Società Civile, sulla base delle esigenze individuate dalle organizzazioni non profit impegnate sulla disabilità.

Già presentato anche su queste pagine, in occasione delle iniziative promosse per la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2020, il progetto Agendo per l’Agenda della Disabilità è un’iniziativa avviata dalla Fondazione CRT, insieme alla CPD di Torino (Consulta per le Persone in Difficoltà), allo scopo di costruire appunto la prima Agenda della Disabilità in Italia, ovvero, così come viene presentata, «un piano di azioni concrete “firmato” dalle Istituzioni e dalla Società Civile sulla base delle proposte e delle esigenze, mutate anche alla luce dell’emergenza sanitaria, delle organizzazioni non profit che quotidianamente si impegnano per le persone con disabilità, le loro famiglie e le comunità».

Sei i temi strategici attorno ai quali verrà costruita l’Agenda, vale a dire Abitare socialeSostenere le famiglieVivere il territorioLavorare per crescereImparare dentro e fuori la scuolaCurare e curarsi.

Le iscrizioni ai tavoli di lavoro si sono chiuse nei giorni scorsi, con la registrazione di circa 150 organizzazioni. Nella prima settimana di febbraio, invece, prenderanno il via le fasi operative del progetto. La Comunità Virtuale, per altro, è aperta a tutti (a questo link) e ad oggi vi si sono iscritte più di trecento organizzazioni.

Testo pubblicato da Superando.it e qui ripreso per gentile concessione

Pubblicità